La casa di Cupertino dice no alla richiesta di forzare il codice