In cambio di informazioni chiedono il 10% ad autorita' polacche