E' la denuncia del patriarca della chiesa ortodossa Aphrem II