Su crisi migranti serve “solidarietà ragionevole” più del previsto