Cracovia, (askanews) - Nove livelli, 300 chilometri di tunnel, circa 3mila stanze di diverse misure, decine di cappelle sotterranee, ma solamente un percorso di tre chilometri e mezzo è visitabile. Viaggio alla scoperta della miniera di sale di Wieliczka, nella periferia di Cracovia, in Polonia. Dal 1978 questo luogo è iscritto nel registro dei siti Unesco "Patrimonio dell'Umanità".

E ora si prepara ad accogliere migliaia di pellegrini che giungeranno a Cracovia in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù, dal 25 al 31 luglio, che culminerà con la visita di Papa Francesco nella città polacca.

Proprio per celebrare l'evento, nel più grande lago salino immerso nella miniera è stato posizionato il logo della Giornata Mondiale della Gioventù, dove viene raffigurato il raggio di due colori, rosso e blu, ispirato all'immagine di Gesù Misericordioso, tema del raduno dei giovani col Papa.

Qui ci troviamo nella più famosa e profonda chiesa sotterranea. Mark è una delle guide della Miniera.

"Ogni anno abbiamo circa 1 milione 500mila visitatori. Ci aspettiamo ancora più visitatori in occasione della visita del Papa e crediamo che ci saranno più turisti durante l'estate. Abbiamo invitato anche Papa Francesco, chissà che non ci faccia una sorpresa".

Utilizzata per l'estrazione del sale dal XIII secolo al 1996, è una delle più antiche miniere di sale al mondo. Raggiunge una profondità di 327 metri e presenta gallerie e cunicoli dove gli operai hanno trasformato le stanze in opere d'arte, tutte in sale.

La visita dura dalle due alle quattro ore ma per la Giornata Mondiale della Gioventù è stato scelto un itinerario breve, che passa per le principali cappelle ricavate nel sottosuolo. Il tour si conclude nella cappella dedicata a Giovanni Paolo II, dove verranno celebrate mese per i pellegrini della Gmg, dalle 8 alle 22 ogni giorno.