Kabul (askanews) - Almeno quaranta persone sono morte e decine sono rimaste ferite in un sanguinario attentato, rivendicato dai talebani, messo a segno a Kabul, in Afghanistan, da 2 kamikaze contro alcuni autobus che trasportavano giovani cadetti della polizia afgana.

Il convoglio era partito dalla provincia di Maidan Wardak e stava arrivando a Kabul. L'attentato è avvenuto nel villaggio di Qala-e-Haidar Khan, alle porte della capitale.

"Ero in casa mia e ho sentito una prima piccola esplosione - dice questo testimone - sono uscito per vedere cosa fosse successo e 10 secondi dopo c'è stata un'altra esplosione, più forte. Con altre persone abbiamo tirato fuori quasi 50 persone dai bus".

"Quando ho visto la prima esplosione ho impedito alle persone di avvicinarsi all'autobus per sicurezza - dice quest'altro testimone - poi c'è stata la seconda esplosione e allora siamo fuggiti tutti".

L'attacco è avvenuto solo 10 giorni dopo un altro attentato simile contro un autobus che trasportava guardie di sicurezza nepalesi ingaggiate dall'ambasciata canadese. In quel caso i morti furono 14.

(Immagini Afp)