Roma (askanews) - E' già stata venduta in 110 Paesi la serie tv diretta dal premio Oscar Paolo Sorrentino "The Young Pope", in onda dal 21 ottobre su Sky Atlantic. Protagonista è Pio XIII, Papa giovane, misterioso, che si nasconde per suscitare maggiore interesse nei suoi confronti, in bilico tra modernità e tradizione, ironico, scaltro, pieno di dubbi, sicuramente imperscrutabile, circondato da una curia dove dominano vecchie consuetudini e strategie di potere.

IN 05.53 out 06.30

"Il clero è sempre stato rappresentato o nella sua infallibilità o, soprattutto dagli americani, nella sua malvagità. L'idea era di raccontare il clero per quello che è: esseri umani tra gli umani, con i loro pregi e i loro difetti, i loro limiti, le loro capacità, le loro incapacità. Questo crediamo non sia mai stato fatto davvero, e ci auguriamo che siamo riusciti a farlo".

Jude Law, grande estimatore di Sorrentino, ha spiegato:

IN 08.45

"Mi sono fatto guidare dal mondo di Paolo, dalla sua regia, per riuscire a tratteggiare un personaggio credibile, che all'età di 47 anni potesse arrivare al papato, guardando sempre al suo passato da orfano e stabilendo le sue regole di comportamento: quel suo essere pronto ad accogliere o ad escludere, quel suo lasciare tutti ad interrogarsi su quello che gli passa per la testa".

IN 03.45

"La chiarezza di Paolo, la sua visione, è una combinazione perfetta di composizione estetica e cuore, e il compito dell'attore è essere il ponte tra le due cose".

"The Young Pope", frutto di una coproduzione internazionale tra Wildside, Sky, Hbo e Canal +, è costato 40 milioni di euro, e ha un cast internazionale: oltre a Jude Law, Diane Keaton, Scott Shepherd, Cécile de France, Javier Càmara, Ludivine Seigner, James Cromwell e Silvio Orlando, che interpreta il Segretario di Stato. Sorrentino è già al lavoro per scrivere la seconda stagione della serie, ma alla domanda se gli piacerebbere dirigere uno film di James Bond risponde:

IN 10.13 out 10.20

"Se sono pronto a fare 007? Magari! Non penso di essere pronto, ma mi piacerebbe fare 007".