Milano, (askanews) - Un canale di idee in cui far crescere nuovi talenti, come non succede più nella tv italiana: così si presenta Zelig tv, progetto che unisce un canale televisivo in onda sul 243 del digitale terreste, un centro di produzione e una Web tv, voluto da Bananas media company in collaborazione con Smemoranda. È stata presentata a Milano nella storica sede di Zelig Cabaret in viale Monza 140, che in 30 anni di attività ha visto nascere artisti come Paolo Rossi, Antonio Albanese, Claudio Bisio, Luciana Littizzetto, Elio e le storie tese, Aldo Giovanni e Giacomo, Checco Zalone e Paola Cortellesi. Obiettivo non perdere un patrimonio accumulato in tanti anni come spiega Michele del duo comico con Gino.

"Sarebbe una follia non usare questo spazio, che vive tutte le sere normalmente perchè è un locale frequentato da gente che viene a vedere dei comici e si fanno degli spettacoli, è follia non riprendere queste cose e pensare noi come gestirle. Siamo tornati indietro di un po' di anni per ritrovare il piacere di divertirci a inventare delle cose strane".

Zelig tv va oltre la trasmissione di contenuti già realizzati, per creare una tv semi generalista con lo sguardo rivolto alla vita delle persone, ma sempre con ironia e comicità, con 400 ore prodotte ogni anno. Giancarlo Bozzo è direttore artistico di Zelig tv.

"Ci sono tantissime cose che faremo dentro e fuori di qui, con situazioni da palco ma anche no, perchè una tv deve avere questo tipo di caratteristiche, come una trasmissione sui motori girate in studio, interviste fatte fuori, scouting nei teatri italiani. Andiamo fuori da questo locale anche se qui abbiamo l'anima che ci consente di andare avanti"

Da lunedì 22 gennaio parte la produzione di "Zelig time" con una ventina di puntate, due a settimana, poi ci sarà una serie di interviste con i comici che hanno fatto la storia dello spettacolo, e "L'arte di vivere" con Leonardo Manera e Carlo Vanoni.

"Stiamo preparando Zelig time, in questa trasmissione abbiamo almeno tre comici assolutamente sconosciuti e che saranno una grandissima sorpresa

In palinsesto anche sit-com e sketch-com, programmi di scouting di danza, burlesque e musica, di cucina e una parte dedicata all'informazione, raccontando anche associazioni, ong e non profit del sociale: i primi ad aderire sono Emergency, Diversity e Radioimmaginaria, emittente realizzata da adolescenti. Il primo anno sono previsti 5-6 milioni di investimenti.