Roma, (askanews) - È partito nell'incanto delle Terme di Caracalla con oltre 4.000 spettatori l'"Alchemaya tour" di Max Gazzé, una delle quattro date-evento che trasformano il cantautore romano in un raffinato cantastorie che ricorda il Battiato dei primi tempi.

"Dura 8 ore, in confronto Wagner... In realtà è diviso in due parti: la prima ora di concerto, il primo atto è una narrazione, quindi ci sarà la presenza di Ricky Tognazzi, che è qui in giro...", ha ironizzato Gazzé.

"Il tema centrale di alcuni brani, soprattutto nella narrazione del primo atto è un invito alla coscienza, al risveglio e all'amore soprattutto. L'amore è forse l'unico collante che può fare serenamente trapassare attraverso i periodi storici", ha sottolineato.

"La seconda parte, il secondo atto è più strutturato sulla riorchestrazione dei miei brani, scarnificati e ricomposti in un assetto sempre sinfonico".

Il tour estivo è partito dopo la speciale anteprima sul lungomare di Pizzomunno, a Vieste - proprio davanti al celebre faraglione della città sul Gargano a cui si ispira il pezzo sanremese "La leggenda di Cristalda e Pizzomunno", che ha aperto la seconda parte del concerto a Caracalla.

Un'opera "sintonica", che vede la fusione (Alchemaya dal greco antico alchimia, fusione) tra sintetizzatori e l'orchestra sinfonica Alchemaya, così ribattezzata per il progetto, diretta dal maestro Clemente Ferrari, con la partecipazione speciale della pianista sudcoreana Sun Hee You.

"È possibile con lei che ci siamo incontrati di recente, possiamo proseguire in un percorso particolare, ne parlavamo proprio oggi, Sunhee che dici, possiamo fare qualche cosa insieme in futuro?", chiede Gazzé.

"Certamente, sarebbe una bella sfida per me, anche sperimentare delle cose nuove con Max soprattutto, sto vivendo una bellissima esperienza, anche questa cosa che Max sta dicendo è nata davvero in questi giorni, mi sono molto emozionata", ha risposto la pianista coreana.

Prossime date dell'Alchemaya Tour estivo, lo Sferisterio di Macerata (7 agosto), il Teatro Antico di Taormina (25 agosto) e l'Arena di Verona (2 settembre). Sullo sfondo di ogni tappa, con adattamenti differenti, le immagini del progetto Alchemaya disegnate da Francesca Pasquinucci e Davide Giannoni di Imaginarium Creative Studio.