Roma, (askanews) - Da Valeria Golino a Paola Cortellesi, da Serena Rossi ad Alessandro Borghi e ai Manetti Bros. Non solo le attrici, anche gli attori e molti registi uomini, in occasione della cerimonia al Quirinale con i candidati ai David di Donatello, hanno indossato la spilletta di Dissenso Comune, la lettera-manifesto firmata a febbraio da 124 attrici, registe, produttrici e lavoratrici dello spettacolo contro le violenze sulle donne e le discriminazioni.