Bergoglio firma, per Giovanni XXIII non c'e' secondo miracolo