Per la corte dei diritti umani non viola il diritto allo studio