Corte d'appello di Roma conferma ricorso per la convivente della madre