Petardi davanti al Ministero delle Politiche Giovanili