Dai ministeri l'impegno a non ritardare piu' cosi' a lungo