Premier stoppa strumentalizzazioni dopo lista 'impresentabili'