Minacciavano cassieri con pistole o coltelli