Testimone storico: resta l'amaro in bocca per i miei colleghi morti