Grazie a falsi attestati hanno percepito circa 2 milioni di euro