Estradato da Bangkok, latitante gestiva guadagni di Cosa Nostra