La contraffazione avrebbe fruttato quasi 2 milioni di euro