Roba da prima Repubblica ma lascia parola a Letta