Sei denunce in Calabria. Li facevano lavorare senza pause e cibo