Il processo va alla Consulta. Rabbia dei familiari delle vittime