Stupefacenti avrebbero fruttato sul mercato oltre 300 mila euro