Roma, (TMNews) - L'occupazione è in forte calo anche nel 2013 e la recessione rischia di avere effetti negativi sulla coesione sociale. È l'allarme lanciato dal governatore Ignazio Visco nelle Considerazioni finali all'assemblea della Bancad'Italia. "Anche quest'anno - ha detto Visco - si chiuderà con un forte calo dell'attività produttiva e dell'occupazione. La recessione sta segnando profondamente il potenziale produttivo, rischia di ripercuotersi sulla coesione sociale".