Cernobbio (CO) (askanews) - Lo storico legame tra Grecia e Russia, nel nome della comune fede ortodossa, non significa che Atene cerchi aiuti fuori dall'Europa per risolvere la sua difficile situazione economica. A garantirlo dal workshop Ambrosetti di Cernobbio è il ministro delle finanze ellenico, Yanis Varoufakis."La Grecia è membro dell'Unione europea, fa parte della zona euro, che è indivisibile, per cui i nostri negoziati sono una questione che deve essere risolta dentro la Ue. La Grecia non sta cercando supporto esterno, al di fuori della famiglia europea".Il ministro greco ha però anche chiesto che il nuovo governo di Atene sia trattato dalla Bce come quello che comandava ad Atene nel 2012."In quell'estate - ha ricordato - la Bce, per stabilizzare la situazione, ha usato la massima flessibilità aumentando il limite delle emissioni dei buoni del tesoro. Ora stiamo affrontando una situazione analoga e sarebbe bene che la Bce mostrasse la stessa flessibilità".Varoufakis ha detto comunque di apprezzare l'operato dell'istituzione guidata da Mario Draghi, nei limiti dei vincoli che ha, e si è detto convinto che farà tutto il possibile per preservare l'indivisibilità dell'euro.