Bruxelles (askanews) - Guerra di nervi e di dichiarazioni tra Berlino e Atene. Il ministro delle Finanze greco, Yanis Varoufakis, è apparso cautamente ottimista, al suo arrivo alla riunione dell'Eurogruppo a Bruxelles, dedicato ancora una volta alla controversia fra il nuovo governo di Atene e gli altri paesi dell'Eurozona."Certo che spero, e ho fiducia che ci sarà un accordo. Il governo greco ha fatto non uno ma dieci passi in più per facilitare il compromesso. Non ho dubbi - ha spiegato Varoufakis - che ci saranno discussioni molto collegiali e spero che alla fine ci sia una fumata bianca".Una apertura arriva dalla commissione europea secondo cui la richiesta di aiuto della Grecia rappresenta una buona base negoziale, ma questo non è bastato a convincere la Germania, che comunque apre uno spiraglio al dialogo."La richiesta del governo greco di estendere di sei mesi gli aiuti finanziari non è sufficiente, ma deve essere il punto di partenza per altri colloqui" ha detto la portavoce della cancelliera Merkel, Angela Wirtz. La dichiarazione della portavoce è sembrata un piccolo passo avanti rispetto al "no" categorico alla proposta greca arrivato ieri dal ministro delle Finanze di Berlino, Wolfgang Schaueble. Questo è il momento per una decisione politica storica, per il futuro dell'Europa! . Ha tweetato il premier greco Alexis Tsipras, ma per convincere l'Eurogruppo ci vorrà molto di più di un cinquettio.(immagini afp)