Rimini, (askanews) - La Thailandia cresce per l'ottavo anno consecutivo come destinazione turistica sul mercato italiano, puntando a chiudere il 2017 con 275 mila arrivi dall'Italia, +3% sul 2016. Numeri importanti, non scontati in un panorama generale che risente invece di continue oscillazioni. Così al TTG Incontri 2017 è proprio la Thailandia a rilanciare il proprio rapporto, anzi connubio vincente, con il mondo degli agenti di viaggio, che in questa fiera B2B sono ancora i veri protagonisti del prodotto turistico, anche nell'era digitale, che registra peraltro la messa online del nuovo sito dell'Ente Thailandia.

In partenza infatti c'è un fam trip, ovvero un viaggio per conoscere ogni aspetto della destinazione, con una adesione record.

Sandro Botticelli, marketing manager dell'Ente del turismo Thailandese: "Novanta agenti di viaggio, 13 tour operator, 5 giornalisti trade e 2 blogger. Siamo in totale 115 persone che viaggeranno in Thailandia divise su 5 destinazioni diverse, tre gruppi andranno al mare e due al Nord. Poi ci ritroveremo l'ultimo giorno per la convention finale dove ognuno presenterà agli altri la destinazione visitata".

L'obiettivo è anche quello di mettere a fuoco nuovi scenari di mercato. Che, come confermano al TTG gli operatori del segmento recettivo thailandese, sta vivendo un vero e proprio boom di richieste per prodotti specifici, incluso il turismo congressuale. Ugo Salamone, managing director di Orientours: "Il periodo estivo con i viaggi di nozze è stato un grande successo, con un incremento di circa il 35% su quello che abbiamo prodotto lo scorso anno. Anche il settore Mice è ripreso, probabilmente anche a causa dei problemi di altre destinazioni. Stiamo insomma riscuotendo di nuovo un grande successo e una grande ripresa della destinazione".