Milano, (TMNews) - Negli ultimi cinque anni il numero di studenti stranieri iscritti nelle università milanesi e lombarde è cresciuto del 42% e l'80 di questi 17.000 ragazzi ha in tasca un passaporto non europeo. Lo sottolinea una ricerca di Assolombarda che con il suo presidente Gianfelice Rocca invita la politica a fare la sua parte per consolidare il risultato positivo: "Questa è una società e una città con una densità scientifica tra le più alte al mondo per abitante, poi dobbiamo anche attrarre professori e questa è una cosa sulla quale abbiamo delle rigidità".Un appello a snellire la burocrazia condiviso da Gianluca Vago, rettore dell'Università statale di Milano: "In questo momento la competizione con il resto del mondo è fortissima. Le nuove generazioni sono cresciute con un'idea del mondo radicalmente diversa, si va dove si sta meglio, dove si studia meglio, è cambiata la struttura di legame con il Paese in cui si è nati".Una tendenza confermata dall'aumento anche del numero di studenti italiani che completano all'estero la propria formazione, cresciuti negli ultimi cinque anni del 49%.