Bologna, (TMNews) - "I passi sarebbero anche nella direzione giusta, ma ancora una volta non sono sufficienti per farci ritrovare la crescita". Il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, commenta così la legge di stabilità licenziata dal Consiglio dei ministri. "Spero che si possa intervenire per fare qualcosa di più", ha aggiunto il leader degli industriali a margine dell'inaugurazione del Saie a Bologna. Squinzi ha anche commentato la possibilità di ricorrere ad uno sciopero formulata da alcuni sindacati. "Credo che invece di ricorrere allo sciopero bisognerebbe rimboccarsi le maniche e spingere nella direzione giusta il Paese. Con gli scioperi non risolveremmo nessun problema".