Modena sta realizzando un Polo della creatività, un luogo dove incontrare opportunità di lavoro negli ambiti della cultura, dello spettacolo e dell’innovazione. Non sono solo parole belle e un po’ vaghe: 1.400 metri quadrati praticamente abbandonati sono stati ristrutturati completamente e costituiscono solo una piccola parte del progetto che prevede l’intera rigenerazione degli edifici industriali dismessi dell’ex Amcm. A ridosso del centro storico, grazie a 3 milioni di euro di contributi europei del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) 2014-2020, è stata riqualificata la vecchia centrale cittadina che alimentava la rete tramviaria. Oggi al suo interno uno spazio per il co-working, due sale riunioni, quattro ambienti laboratoriali, una sala conferenze, un bar e una galleria centrale a disposizione dei cittadini: è il Laboratorio Aperto di Modena ed è diventato già la casa di uno dei più importanti teatri nazionali