Tokyo, (TMNews) - Sony dice addio ai personal computer. A quasi 20 anni dal debutto nel settore, il colosso giapponese dell'elettronica Sony cede i pc Vaio al fondo di investimento Japan Industrial Partners. È solo una delle misure previste dal piano di ristrutturazione per rilanciare le attività del gruppo: Sony ha anche annunciato lo scorporo degli asset tv e il taglio di 5mila posti di lavoro entro marzo 2015, di cui 3.500 all'estero e 1.500 in Giappone, un passo che consentirà un risparmio annuale stimato in un miliardo di dollari. Tagli che arrivano alla luce dei risultati di bilancio, ancora una volta appesantiti dal calo delle vendite di apparecchi elettronici di largo consumo: il gruppo stima di chiudere l'anno fiscale 2013 a marzo con una perdita di 110 miliardi di yen, pari a 810 milioni di euro, contro le stime precedenti di utile per 30 miliardi, e un fatturato di 80 miliardi.Nei primi nove mesi dell'esercizio 2013 Sony ha annunciato il ritorno all'utile per 11,17 miliardi di yen, contro il rosso di 50,87 miliardi dello stesso periodo 2012.(immagini Afp)