Milano, (TMNews) - Gli uomini comandano ancora il mondo. È la verità che Sheryl Sandberg, 43 anni e numero due di Facebook, denuncia nel suo libro "Lean in", in Italia tradotto "Facciamoci avanti", e che ha ribadito in un'intervista al programma 60 Minutes della Cbs. "Per me è una questione molto personale, voglio che tutte le ragazze che subiscono prepotenze dai capi mostrino qualità di leadership". Nella lista di Fortune 500 solo 21 donne hanno il ruolo di Ceo: per Sandberg, Chief operating officer di Facebook, è colpa anche delle donne, che non si mettono in competizione per far carriera perchè si preoccupano troppo del futuro."Cominciano a rinunciare, dicono 'sono troppo occupata, avrò un bambino un giorno, non potrò più essere assunta', oppure 'sto ancora imparando nel mio lavoro'. Non ho mai sentito un uomo dirmi queste cose". Le discriminazioni al lavoro e la mancanza di sostegno per la cura dei figli hanno il loro peso, ma non devono scoraggiare. "Anzichè dire che quel tipo di ruolo o lavoro non è adatto alle donne, dobbiamo cambiare il sistema, cercare di cambiare noi stesse"."Non voglio dire a nessuno che tutto quello che faccio lo possano fare anche gli altri, ma penso che questi siano messaggi universali". Per Sheryl Sandberg condividere i lavori di casa con gli uomini sarebbe un ottimo punto di partenza.