Roma, 13 nov. (askanews) - Rallenta la crescita economica in Italia. Nel terzo trimestre dell'anno il Pil è aumentato dello 0,2%, dopo essere cresciuto dello 0,3% nel secondo e dello 0,4% nel primo trimestre. La stima preliminare diffusa dall'Istat è inferiore alle attese degli analisti e delle previsioni dello stesso Istituto di statistica che indicavano un Pil in crescita dello 0,3% nel periodo luglio-settembre.A rallentare è tutta l'area euro con un Pil a +0,3%. Frenano le economie di Germania, Italia, e Spagna mentre accelera la Francia.In Italia resta ferma a +0,6% la crescita acquisita del Pil per il 2015. Per raggiungere il +0,9%, target fissato dal governo per quest'anno, occorre dunque un'accelerazione nell'ultimo trimestre.Sul fronte dell'inflazione, l'Istat ha confermato la lieve accelerazione di ottobre (+0,3%). In forte ripresa, invece, il carrello della spesa: i prezzi dei beni alimentari,per la cura della casa e della persona, ad ottobre, sonoaumentati dell'1,5% su base annua dal +1,2% di settembre.