Milano (askanews) - "E' sempre tecnologia, è l'evoluzione tecnologica della telematica. Sostanzialmente per quasi 30 anni Viasat è stata la prima azienda che ha creato gli strumenti, come per esempio il primo antifurto satellitare, quindi una prima tecnologia che integra una serie di componenti, come Gps o Gsm. Grazie a questa integrazione si sono creati gli strumenti da mettere a bordo del dispositivo, quello che minimizzando chiamano 'scatola nera', in grado di raccogliere dei dati". Il presidente di Viasat Group, Domenico Petrone, ha spiegato così la genesi dei nuovi strumenti tecnologici alla base del Progetto Guida Sicuro, la cui sperimentazione è stata lanciata a Milano dalla Fondazione Ania per la sicurezza stradale.

"Noi - ha aggiunto Petrone - abbiamo raccolto questi dati per 30 anni, quindi abbiamo di tutto e di più, anche per quanto riguarda la tipologia di dati: dove e quando avvengono i furti, dove e quando avvengono gli incidenti... Quindi abbiamo generato una geolocalizzazione, una mappa specializzata e stratificata con i furti, gli incidenti... Quindi quelli che chiamiamo black point, oppure i red point dove l'incidente prima o poi ci potrebbe essere. Quindi questa serie di informazioni è diventato un patrimonio importante".