Rho-Pero (askanews) - La legge Fornero non prevede strumenti sufficientemente flessibili per quanto riguarda i meccanismi dell'andata in pensione, vanno quindi studiati strumenti da introdurre con la prossima legge di stabilità che renda più flessibile l'uscita dal mondo del lavoro. È quanto ha spiegato il ministro del lavoro Giuliano Poletti discutendo a margine del convegno di apertura della fiera Ipack-Ima."Sulla legge Fornero discuteremo con la legge di stabilità la possibilità di rendere più flessibile l'uscita. - h detto il ministro - Noi sappiamo che abbiamo due situazioni diverse e impegnative. Da un lato abbiamo persone avanti con l'età che rischiano di perdere o perdono il lavoro e con gli ammortizzatori sociali non arrivano a maturare i requisiti del pensionamento: qui dobbiamo trovare una formula che non lasci nessuno appeso per un anno o due senza stipendio, senza salario, senza ammortizzatori, e senza pensione e dovremo costruire una sorta di ponte che consenta di superare questa che è una posizione socialmente molto pesante. Poi abbiamo un altro aspetto: imprese e cittadini che dicono 'noi vorremmo poter andare prima in pensione anche facendo un sacrificio'. E questo è un tema di flessibilità che in legge di stabilità affronteremo".