Roma, 4 giu. (askanews) - Dopo le elezioni regionali con una Lega uscita rinvigorita dalle urne, il presidente della commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano, ha tenuto a ricordare che il leader del Carroccio, Matteo Salvini, "in varie occasioni" ha dichiarato di voler appoggiare la proposta di Damiano sulla flessibilità in uscita per le pensioni."Mi sembra - ha detto Damiano a margine della presentazione del libro 'Nuove regole in fabbrica' di Paolo Rebaudengo - che dalle Regionali sicuramente la Lega in valori assoluti ha avuto un risultato che ha premiato quel partito, non mi pare che questo sia avvenuto per il Movimento cinque stelle in termini di voti, poi indubbiamente la presenza attuale radica questo partito e bisognerà tenerne conto. Per quanto riguarda il merito faccio presente che Salvini ha ripetuto in varie occasioni di voler appoggiare la mia proposta di legge sulla flessibilità in uscita (quella che prevede che si possa anticipare la pensione dagli attuali 66 anni a 62, naturalmente a condizione che si abbiamo 35 anni di contributi, con una penalizzazione massima dell'8%)"."Mi auguro che la mia proposta che sta già trovando larghi consensi trovi l'unanimità perché questo darebbe forza alla nostra iniziativa - ha proseguito Damiano - Se non vogliamo fare propaganda ma portare a casa un risultato è bene concentrare l'attenzione su una proposta ragionevole perseguibile".