Roma (TMNews) - Aumenta il numero dei disoccupati nel mondo. Nel 2013 la disoccupazione è infatti salita di 5 milioni di persone sfondando il muro dei 200 milioni, colpa della crisi globale e di una ripresa economica debole. E se le tendenze attuali continueranno, i disoccupati potrebbero raggiungere quota 215 milioni dagli attuali 202. A dirlo è un rapporto dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro.Secondo l'istituto, la maggior parte dell'aumento della disoccupazione globale è concentrata soprattutto nell'Asia orientale e meridionale. Non va bene, anche se meno peggio, nell'Africa sub-sahariana e in Europa. Al contrario, in America Latina la disoccupazione è cresciuta meno rispetto ad altre parti del mondo.La ripresa senza occupazione colpisce "particolarmente" i giovani. Nel 2013 i giovani disoccupati nel mondo risultano pari a 74,5 milioni, quasi un milione in più rispetto all'anno precedente, con un tasso a livello globale quasi tre volte più alto rispetto al tasso di disoccupazione degli adulti.Lo studio segnala inoltre che nel mondo 839 milioni di lavoratori, più di uno su quattro, vivono con meno di 2 dollari al giorno. Di questi, lo scorso anno 375 milioni hanno vissuto addirittura con meno di 1,25 dollari al giorno.