Passano da 3 a 4 su 10 i nuovi contratti a tempo indeterminato