Roma, 17 giu. (askanews) - Segnali di ripresa per il mercato dellavoro nei primi tre mesi del 2015. Cominciano a mostrare i primi effetti il Jobs act e i provvedimenti del governo in materia di lavoro. Nel focus "Le tendenze recenti dell'occupazione", l'Istat ha certificato un aumento dell'occupazione dipendente: i lavoratori con contratto stabile sono aumentati di 36mila unità mentre quelli a termine di 72mila.Incremento che, per l'Istat, rappresenta "un elemento dinovità rispetto a quanto osservato nel periodo 2009-2013".In decisa risalita anche il numero degli occupati a tempo pieno, che negli anni della crisi avevano subìto un calo pressoché continuo.Nel primo trimestre 2015 sono 104 mila in più (+0,6%) rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente.Prosegue poi la crescita del lavoro a tempo parziale. Nel primo trimestre gli occupati part time arrivano a 4 milioni 94 mila unità. Tuttavia, l'aumento riguarda quasi del tutto il part time involontario, ossia il lavoro ad orario ridotto accettato in mancanza di occasioni di impiego a tempo pieno.