Milano (askanews) - Personalizzare ai tempi del marketing 3.0. È il tema al centro del convegno American express insights network, giunto alla seconda edizione e organizzato da American Express, allo scopo di offire ai propri business partner una visione d'insieme sul mercato e sui nuovi trend di marketing oltre che una serie di occasioni per fare networking e identificare nuove opportunità di business.Carlo Liotti, vice presidente e direttore generale di American Express."I prodotti industrializzati - ha spiegato - hanno perso la capacità di attrarreil desiderio dei consumatori se non riescono a parlare il loro linguaggio. Questo vale per un prodotto di immediato consumo come per un'auto. La nostra storia come American Express è quella di aver personalizzato da anni la relazione con i propri clienti, che siano aziende o singoli consumatori".Alla tavola rotonda erano presenti alcuni top manager ed esperti di marketing come Alessandro Araimo di Discovery Southern Europe, Arturo Frixa di Jaguar Land Rover, salvatore Ippolito di Twitter Italia, Nicola Palmarini di Ibm e Alberto Pozzi di Accenture. Obiettivo principale del forum: il rapporto diretto e immediato con i clienti."Credo che la capacità di ascolto di un'azienda - ha continuato Liotti - sia la sintesi del coraggio che molte aziende non hanno più. Spesso le aziende sono autocentrate, io da professionista ho sempre creduto che l'essere eterocentrati, la capacità di ascolto, è fondamentale".L'incontro, moderato dalla giornalista e conduttrice televisiva Ilaria D'Amico è stato preceduto da un'intervista allo scenografo premio Oscar Dante Ferretti che ha parlato del suo percorso nel mondo del cinema, da quando era un giovane studente di Macerata fino ai premi Oscar vinti a Los Angeles.