Milano (TMNews) - Aumentano gli spazi espositivi e gli operatori, e probabilmente anche il business. Alla vigilia di Expo 2015 e dopo 28 anni, Lineapelle torna a Milano, la capitale della moda e del Made in Italy, per consolidare ancora di più la leadership mondiale di fiera del settore conciario. Ad inaugurare la manifestazione alla Fiera di Milano a Rho (10-12 settembre), l'amministratore delegato di Lineapelle Salvatore Mercogliano. "Milano ha una fiera di valore internazionale, la terza al mondo. Quindi Lineapelle va nella sede naturale e più idonea al suo ruolo mondiale". Oltre alla nuova sede, ad accendere l'entusiasmo degli operatori è l'anticipazione del calendario che permetterà di lavorare in tempo sulle collezioni: lusso, automotive, calzature, pelletteria, capi d'abbigliamento trarranno ispirazione stilistica e forniture da 1123 espositori da 41 nazioni per produrre i manufatti al consumo nell'inverno 2015-2016. Grandi numeri per un settore cruciale del Made in Italy, come spiega Riccardo Monti, presidente dell'Istituto del commercio estero06.5807.08----------------"Questa è un'industria che ha 18mila dipendenti ed esporta 4 miliardi di euro. Ha un export per addetto, che probabilmente è il più alto in assoluto".---------------Nei primi mesi del 2014 le esportazioni sono cresciute del 7%. Il primo mercato resta l'Europa. Fuori dai confini del vecchio continente spicca la Cina, ma si evidenzia anche un ritorno in grande spolvero degli Stati Uniti. Tutti mercati cui Lineapelle offre in esposizione ilo meglio della produzione nostrana: pellami, accessori, componenti, stampa. Spazio anche ai workshop dedicati ai materiali e alle loro tecniche di lavorazione, per meglio comprendere tutta la complessità e l'eccellenza del settore conciario italiano.