Milano, (TMNews) - "Credo che in Europa ci troviamo nella crisi più profonda che mai abbiamo visto". Il Presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz, a Milano per un incontro di Legacoop su cooperazione e futuro dell'Unione europea, parla della crisi che sta colpendo il continente: non solo economica, ma di fiducia, sia nel proprio Paese che nelle istituzioni europee. Schulz cita la disoccupazione giovanile come uno dei mali dell'Europa."Stiamo perdendo una generazione intera su questo continente, e questo è dovuto alla cattiva distribuzione della ricchezza". "Proprio nel momento in cui abbiamo bisogno più che mai di più integrazione questa viene messa in pericolo".Schulz denuncia il rischio di populismo, di ogni colore, e il mancato accesso al credito delle piccole e medie imprese. La soluzione, dice, è superare gli interessi nazionali: nell'Unione si fa una politica transnazionale per moneta, economia, agricoltura e ecologia ma non si è creato un quadro transnazionale. "Per questo nasce un'Europa tipo Frankenstein, come lo chiamo io, cioè si prendono delle parti e si compongono in qualche modo. Non funziona e spaventa le persone".