Venezia, (TMNews) - Maurizio Landini promuove il primo passo del governo Renzi sul taglio dell'Irpef per i lavoratori dipendenti e l'aumento della tassazione delle rendite finanziarie: "Andare verso una riduzione della tassazione per tutti coloro che hanno un lavoro dipendente e fino a 25mila euro di reddito annuo. Se questo impegno viene confermato - ha sottolineato Landini - e nel mese di maggio davvero porta nelle buste paga mediamente 80 euro netti considero sia una cosa che non sia mai stata fatta in questi anni e penso che sia un primo passo utile".Il leader della Fiom, a margine dell'11esimo congresso regionale del sindacato dei metalmeccanici a Venezia, ha però sottolineato che sarebbe necessario estendere l'iniziativa anche a pensionati e giovani precari. Si tratta tuttavia di un primo intervento positivo. "Non condivido invece la scelta del governo di liberalizzare i contratti a termine, per come è stata fatta con l'apprendistato. Perchè di precarietà ne abbiamo già troppa", ha spiegato.