Milano (TMNews) - Se ne parla ormai da mesi, ma la fine della crisi economica, all'atto pratico, ancora non si riesce a scorgere. Ultimi, in una serie di dati non certo incoraggianti, arrivano anche quelli di Unimpresa, che parlano di 9,4 milioni di italiani in difficoltà, con un ampliamento dell'area del disagio nel nostro Paese. Nel dettaglio, nell'ultimo anno, oltre 168mila persone in più si sono ritrovate tra le fasce più deboli della società. A pesare in maniera decisiva, secondo Unimpresa, il deteriorarsi del mercato del lavoro, che non significa solo disoccupazione, ma anche una vasta platea di contratti a termine e altre situazioni di precariato. Per l'associazione imprenditoriale occorre una maggiore attenzione alle famiglie, perché altrimenti si potrebbe innescare una dinamica molto pericolosa sui consumi.