Roma, 5 feb. (TMNews) - La Corte dei Conti avrebbe citato per danni l'agenzia di rating Standard&Poor's. In ballo ci sarebbe una cifra record: ben 234 miliardi, per i danni causati quando nel 2011 le agenzie di rating declassarono pesantemente il giudizio dell'Italia. Ad essere state citate in giudizio sarebbero anche le altre due agenzie di rating Moody's e Fitch.Per la Corte il patrimonio storico, artistico e letterario di un Paese andrebbe considerato quando si valuta l affidabilità di un Paese. Cosa che invece le agenzie di rating non avrebbero fatto.La Corte dei Conti, però, ha precisato di aver avviato solo un'istruttoria, ma qualcosa c'è. L azione, viene sottolineato, "potrebbe concludersi anche con una archiviazione, dopo che le agenzie avranno prodotto le proprie motivazioni e controdeduzioni". Prematura anche qualsiasi quantificazione per un eventuale risarcimento.