Bari (askanews) - Proposte concrete per sostenere le piccole e medie imprese, anche nel Mezzogiorno. Il roadshow di Intesa Sanpaolo è arrivato anche a Bari dove, nella sede locale di Confindustria, si è parlato di come il tessuto imprenditoriale italiano possa tornare a competere e ad eccellere. Sul palco tra i relatori anche il responsabile Sales & Marketing di Intesa Sanpaolo Stefano Barrese, che ha parlato degli strumenti offerti alle imprese, oltre il semplice credito."La banca - ci ha detto - riesce, oltre al credito, che è evidentemente la condizione necessaria per poter rilanciare le imprese di questo Paese, a offrire anche una serie di soluzioni, che vanno dai contratti di filiera che abbiamo sviluppato quest'anno e ultimo, ma assolutamente importante e organico agli incontri che stiamo facendo sul territorio, è il tema dell'innovazione".Tra i nuovi elementi messi sul piatto dal gruppo bancario spicca in particolare il tema dell'alta formazione, come spiega Francesco Guido, direttore regionale per il Sud di Intesa Sanpaolo e direttore generale del Banco di Napoli. "Intesa Sanpaolo, quindi il Banco di Napoli nel Sud - ci ha detto - proporrà agli imprenditori percorsi di alta formazione, e non parliamo di semplici seminari o di attività formative routinarie, ma assolutamente mirate, canalizzando, dove è possibile e necessario, anche dei fondi comunitari, che possono consentire anche la gratuità di questi corsi, per prendere coscienza di quelle che sono le variabili critiche sul versante della internazionalizzazione e sul fronte della digitalizzazione".Proprio per quanto riguarda il fronte tecnologico, Intesa Sanpaolo punta molto sulla piattaforma per le aziende Tech Marketplace, che favorisce l'interazione tra start-up, Pmi e grandi aziende, mettendo in contatto domanda e offerta di tecnologia con lo scopo di offrire altri strumenti anti crisi. "Già oggi - ha aggiunto Barrese - sono oltre 4mila le aziende presenti su questa piattaforma, sono circa 4mila dal lato della domanda e oltre 500 dal lato dell'offerta".In sala a Bari molti rappresentanti di imprese pugliesi che credono nella necessità di guardare all'estero e di non smettere di innovare. Leonardo Diaferia è il presidente di Itel Telecomunicazioni. "L'innovazione - ci ha detto - si fa vivendola, anche la stessa metamorfosi dell'azienda è innovazione, perché significa fare nuova cose".