Roma (TMNews) - In vista il possibile rinvio dell'aumento dell'Iva che scatterà dal 1 luglio. Il governo è al lavoro per trovare una soluzione "stabile e definitiva" con la legge di stabilità a settembre. L'esecutivo però non è alla prese soltanto con l'incremento dell'aliquota Iva dal 21 al 22% ma deve intervenire anche su Imu, ticket sanitari e tares. Un "ingorgo fiscale" da 11 miliardi di euro l'anno. Lo ha annunciato, Giovanni Legnini, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all'Editoria in un'intervista a TMNews.