Milano (askanews) - Ricerca avanzata e stretto raccordo con le imprese per rendere le aziende italiane dell'industria delle pelli sempre più sostenibili, innovative e sicure: è la mission della SSIP, la Stazione Sperimentale delle Pelli, organismo nazionale di ricerca delle Camere di Commercio di Napoli, Pisa e Vicenza. La Stazione Sperimentale ha presentato nel corso di un incontro a Lineapelle - la più importante mostra del settore, ospitata a Fiera Milano - il suo piano di rilancio varato dopo un anno di riassetto. "La Stazione Sperimentale in questi ultimi dodici mesi ha già implementato 10 linee di ricerca sui temi della sostenibilità ambientale e del miglioramento della tecnologia del prodotto e sul miglioramento della tecnologia dei processi - spiega Edoardo Imperiale, direttore generale Stazione Sperimentale per l'Industria Pelli - Al tempo stesso ha fatto accordi con sei Università e con il Cnr, e abbiamo oggi a disposizione 28 linee di ricerca che le nostre imprese possono utilizzare e adottare per migliorare i loro processi produttivi".

Il trasferimento alle aziende dei risultati di ricerca, è stato spiegato, avverrà ora attraverso attività one to one in una ottica di servizio diretto alle imprese. Altro strumento sarà la divulgazione scientifica portata avanti con il magazine CPMC - Cuoio Pelli Materie Concianti, anch'esso rinnovato.

Ma ci sarà anche un impegno diretto nel sostegno delle nuove imprese con un fondo nazionale di Seed Capital realizzato in collaborazione con la Camera di Commercio di Pisa e che finanzierà start up ad alto contenuto tecnologico nel settore conciario e dell'economia circolare. "Le imprese alla ricerca chiedono un continuo aggiornamento, una continua evoluzione dei prodotti, un continuo allineamento alle esigenze dei temi ambientali - dice Giovanni Russo, presidente Unione Nazionale Industria Conciaria e Lineapelle - noi siamo il settore che investe su questi ambiti le percentuali sui ricavi più alte. Siamo un settore che ha affrontato la sostenibilità da anni e con risultati eccellenti e oggi possiamo dire che le concerie italiane hanno abbattuto notevolmente le immissioni di CO2 ed è un risultato di grandissima importanza e prestigio".

La Stazione Sperimentale si candida quindi ad essere una risorsa strategica per l'intera filiera delle pelli, settore che ha archiviato un anno positivo e che guarda al 2018 con ottimismo. "Il settore va bene, è sano; sempre trainato dalla richiesta dell'automotive; la pelletteria di lusso mantiene: insomma abbiamo avuto un 2017 con quattro, cinque, punti percentuali in più - conferma Il presidente Unic - la partenza del 2018 è stata buona, si registrano buone crescite per il primo trimestre e in alcuni casi anche a due cifre".

La Stazione Sperimentale ha rinnovato anche la sua immagine con il lancio del nuovo portale web www.ssip.it e i canali di social networking. Un rinnovo che nei prossimi mesi sarà anche strutturale con il trasferimento nella nuova sede a Pozzuoli.